mobilegeddonAbbiamo già parlato di responsive design ed è notizia di questi giorni, anche se nell'ambiente giravano da un po' le voci, che Google ha modificato il proprio algoritmo di ricerca per privilegiare i siti internet ottimizzati per i dispositivi mobili.

Già da diversi mesi era possibile verifiare nei risultati di ricerca quali siti erano ottimizzati per mobile. Facendo una ricerca su Google tramite lo smartphone nella lista dei risultati organici appare l'indicazione "mobile-friendly" che sta ad indicare che il sito è ottimizzato. Cosa si intenda per ottimizzato è spiegato da Google stessa in questa pagina, fornendo anche utili e semplici consigli. Google ha anche messo a disposizione un tool online per verificare l'ottimizzazione del proprio sito.

Mobilegeddon è la parola che è stata coniata per questo evento, mixando, un po' esageratamente, le parole Mobile e Armageddon. Non sarà proprio una battaglia finale ma è un evento molto importante per il SEO ed in particolare per la SERP.

Quest'ultima, ovvero la lista dei risultati dei motori di ricerca, sarà influenzata anche dall'ottimizzazione mobile.

C'è da chiarire però che bisogna distinguere tra risultati per mobile, risultati per tablet e risultati desktop. Gli unici ad essere influenzati saranno i risultati di ricerca per mobile. In poche parole solo facendo una ricerca sullo smarphone verranno privilegiati i siti "mobile-friendly". Ricerche su tablet e desktop rimarranno invariate.

Da un lato è comprensibile. Quando cerchiamo qualcosa sullo smartphone, date le dimensioni del display, è anche giusto privilegiare siti ottimizzati.

Va inoltre chiarito che i siti non ottimizzati non spariranno dalla SERP, saranno semplicemente retrocessi. Di quanto non è dato sapere. Nessun pericolo neppure i nomi propri delle aziende. Molti utenti invece di digitare l'indirizzo web nella barra degli indirizzi, es. "www.aziendaXYZ.it", digitano "aziendaXYZ" direttamente su Google. L'azienda verrà trovata comunque anche se il sito non è mobile-friendly.

Concludendo l'ottimizzazione per mobile, sarà solo uno dei tanti parametri che compongono l'algoritmo di Google. Certo è che le visite da mobile aumentano in percentuali rilevanti di mese in mese.

Consigliamo di analizzare le statistiche per verificare quale è la percentuale di visite da mobile del proprio sito e in base ai numeri agire di conseguenza. A seconda del settore la percentuale di accessi da mobile può variare attualmente  dal 10 al 40%  ma certo è che in futuro aumenterà notevolmente.