Aprire un blog aziendale è un desiderio crescente in alcuni settori. Dopo i primi anni in cui le terminologie come blog, blogger, social, ecc. facevano paura a molti responsabili marketing ora ci si avvicina di più a questo mondo ed inevitabilmente ci si scontra con le problematiche già affrontate da tempo da personal bloggers (come il sottoscritto).

Senza entrare nell'ambito del perché e come un blog aziendale, faccio una piccola analisi delle maggiori piattaforme di blogging.

La più conosciuta a livello personale - e non solo - è Worpress. Worpress è un software blog stabile potente ed affidabile. Può funzionare in due modalità:

self-hosted: ovvero su un qualsiasi spazio web compatibile

hosted: ovvero appoggiata sui server di worpress.com

(da non confodere: Worpress è scaricabile gratuitamente da worpress.org. Wordpress.com è una piattaforma di hosting di Automattic basata su Worpress)

Tra le hosted platforms ci sono anche servizi come: Blogger (google); Tumblr, ecc.

La scelta tra le due modalità può essere apparentemente ardua ma in realtà non lo è.

Innanzitutto vediamo i pro del self-hosted:

  • controllo totale sulla parte tecnica
  • controllo totale sulla proprietà dei contenuti
  • possibilità di espandere con qualsiasi plugin il sistema
  • possibilità di modificare il codice principale
  • non sono costretto ad usare le sole funzionalità che mi vengono messe a disposizione.
  • per i soli responsabili aziendali: se qualcosa non va possibilità di prendersela con il proprio fornitore di servizi web e non contro un anonimo colosso del web

i contro:

  • costi di installazione (comunque molto bassi) e personalizzazione (ma del resto il vantaggio di poter avere l'ultimo punto sopra non ha prezzo)
  • rischi di sicurezza. Questi in realtà ci sono solo se chi vi installa Worpress non lo aggiorna poi con costanza e non lo controlla periodicamente. Questi software gratuiti di bloggin sono spesso vulnerabili ad attacchi e quasi ogni mese esce un aggiornamento per coprire eventuali falle.

Ci sono poi delle considerazioni aggiuntive.

Il "flavour" di un blog aziendale su una piattaforma da blogger personali rende il tutto molto naturale, sincero quasi più reale. Ma alla fine è solo la prima impressione. Un blog vive di contenuti...sono quelli a dover essere sinceri e naturali.

Vantaggi SEO: questa è una voce che gira ma è falsa. Il SEO dipende innanzitutto dai contenuti e poi da come questi contenuti sono tecnicamente mostrati. Se mancano i primi ovviamente non si va da nessuna parte e per i secondi diciamo che le funzionalita tra self-hosted e hosted sono identiche. Ovviamente con una self-hosted posso modificare il codice a mio parere per eventuali aggiustamenti personalizzati.

Ricordiamoci che tutte le piattaforme di hosting come worpress.com, blogger, ecc. hanno come fine il rendere visibili se stessi e non il vostro blog che diviene solo un mezzo come tanti altri.

Vantaggi SOCIAL: anche qui si usa come argomentazione che utilizzando una piattaforma hosted si traggano dei vantaggi dalle connessioni sociali di questi network. Vero ma è un vantaggio molto limitato e di poco vantaggio per le aziende. Può avere un senso per i bloggers che nascono e che parlano di argomenti molto social quali moda, food, ecc. Ma anche questo punto è discutibile. Il fattore SOCIAL di un blog personale nasce, oltre che dall'interesse sui contenuti, dal tempo dedicato a visitare altri blog, lasciare un commento (spesso insulso e ripetitivo) e essere a propria volta contraccambiati. Sembra una considerazione cinica ma in realtà è così. Basta guardare un qualsiasi trend blog e cominciare a leggere i commenti. Diciamo che il commento è un modo di dire: hei mi piace, vieni a fare un salto da me. Nulla di male ovviamente ma funziona per le aziende? Direi di no a meno di non avere una blogger professionista dedicata. E allora veniamo al punto. Con una persona dedicata le connessioni SOCIAL si ampliano a prescindere dalla piattaforma (quantomeno così dovrebbe essere). A quel punto ho bisogno di avere il CONTROLLO del mezzo.

Per fare un paragone banale immaginiamo di aver assoldato il miglior pilota di Formula 1 (la nostra social blogger). Ora che mezzo gli diamo? Un auto nella quale non possiamo metter mano al motore, alle gomme, ecc. ma dove possiamo solo scegliere il colore della carrozzeria?

Evidentemente no! Per cui il mio consiglio è per un blog aziendale un bel self-hosted Worpress blog.