Chi si occupa di SEO ma anche chi semplicemente tiene sotto'occhio le statistiche di accessi del proprio sito, si è ormai da tempo accorto che il dato relativo alle query di ricerca nelle sorgenti di traffico è sempre più (not provided) ovvero non c'è. Non è più dato sapere per quali query di ricerca l'utente è finito in una determinata pagina. Questo per motivi di privacy (meglio dire di apparente privacy) e tecnicamente perché le ricerche sono effettuate mediante il protocollo sicuro https e non più http.

not-provided

Perse per sempre? Beh no in realtà Google le memorizza comunque e difatti si possono ancora (ma non si sa per quanto) trovare nell'apposita area di Webmaster Tool.

webmaster

Purtroppo di dati analitici di Webmaster Tool non sono analizzabili così bene come quelli di Analytics ma è sempre meglio di niente.

Al momento non ci sono soluzioni alternative neppure a pagamento.

Certo è che questo cambiamento avrà un impatto notevole sulla lettura delle statistiche per capire le sorgenti di traffico e per l'ottimizzazione delle pagine.

Io rimango tuttavia del parere che chi ha un sito congruo in termini di keywords e testo non ha di che preoccuparsi, diversamente chi opera ai margini della "legalità dell'algoritmo di Google" (siti fantoccio, ecc.) ne rimarrà penalizzato