Biscotti

--> UPDATE LUGLIO 2014 QUI <--

 

Cookie Law ovvero la legge dei cookie, ovvero quelle briciole di dati che vengono lasciate e lette nel browser ogni qual volta visitate un sito e permettono di memorizzare informazioni di vario genere.

Per esempio visitando questa pagina ora vi siete "beccati" 7 biscottini cookie. 3 di Facebook, 1 di google analytics, 2 di google+ e uno dal cms che gestisce questo sito. Per esempio vi siete mai chiesti come mai cercando un qualche prodotto o servizio su google e visitando poi i relativi siti, quando andate su portali che contengono pubblicità questa, guarda caso, è relativa alle cose che cercavate? Merito dei cookie.

Sono utilizzati per memorizzare la navigazione, per ricordare scelte fatte (ad esempio scelta lingua) e tante altre cose che giustamente fanno rabbrividire i cultori della privacy e non solo.

In Italia la direttiva 2009/136/CE (E-Privacy) sui cookie è stata recepita a fine maggio 12, pur essendoci già della normativa nella legge sulla privacy (art. 122) che però non parlava espressamente di cookie.

Ci sono però dei "però" o meglio delle precisazioni che ci fanno distinguere sostanzialmente 2 tipi di cookie: quelli necessari e quelli di profilazione.

I primi, quelli necessari, possono essere a loro volta strettamente necessari come ad esempio per le sessioni degli online shopping e di funzione come la scelta lingua. Questi non sono "dannosi" in quanto non sono legati ad una prifilazione dell'utente ma raccolgono dati per permettere all'utente di navigare correttamente nel sito.

Ci sono poi quelli di profilazione che sono il vero problema della privacy. Facciamo un banale esempio. Visitando questo sito probabilmente siate anche loggati a Facebook o Twitter o G+, ecc. Questi ultimi mettono dei tracking cookie ovvero delle briciole alla Hansel e Gretel che permettono di capire dove e come avete navigato, che cosa vi interessa o meno. Il tutto non anonimamente perchè dato che probabilmente non avete fatto il logout dai social è come se foste ancora dentro. Difatti probabilmete alla fine di questa pagina avete modo di commentare grazie ai commenti di Facebook e dovreste vedere il vostro profilo attivo! I cookie sanno chi siete e cosa state visitando.

Pertanto quando vi è coincidenza tra il dato personale e il dato statistico si pone, giustamente, un problema di privacy.

La direttiva europea e di seguito quella italiana prevedono normative relative al secondo tipo di cookie cioò quelli che raccolgono dati sensibili.

Di fatto però il confine è molto...ma molto...difficile da determinare.

Cosa bisogna (bisognerebbe) fare. Tra parentesi il "bisognerebbe" perché di fatto non lo fa quasi nessuno se non gli inglesi.

Quattro sono le forme usate:

1) messaggio stile lightbox che informa dei cookie e prevede l'accettazione. Non è possibile proseguire se non si accetta.

2) barra di stato persistente che informa della presenza di cookie, rimanda ad una pagina con le specifiche e se accettate sparisce. Se non accettate rimane il messaggio ma navigate lo stesso, una sorta di consenso informato. Esempio

3) come sopra ma con pulsante da confermare. Esempio

4) semplice punto di menu "cookie". Esempio

Nella pratica qualcuno lo fa ma soprattutto in Inghilterra, in Italia non ho ancora visto esempi anche perchè pare che ci sia la normativa ma non ci sono le sanzioni.

La nostra pagina dei cookie.

Per maggiori info sui cookie: http://www.youronlinechoices.com/it/

Fonti:

http://brunosaetta.it/privacy/cookie-e-riforma-europea-come-mettere-in-regola-il-sito-web.html

http://www.joomla.it/articoli-community-16-e-17-tab/5598-eu-cookie-law-cose-e-cosa-comporta.html

http://www.dekoo.it/privacy-il-parlamento-italiano-ha-recepito-la-norma-cookie-law-dellue-il-tuo-sito--pronto.html

http://www.aboutcookies.org

 

--> UPDATE LUGLIO 2014 QUI <--